Fattura elettronica: le novità dal 1 luglio 2019

A partire dal 1° Luglio è giunta al termine la fase transitoria relativa alla Fatturazione Elettronica. Sono pertanto entrate ufficialmente in vigore le modifiche previste dal D.L. 119/2018.

Fatture immediate e fatture differite  

fattura elettronica

A differenza di quanto inizialmente previsto, il termine per l’emissione delle fatture immediate – elettroniche o cartacee – è passato a 12 giorni.  Con la conversione del decreto crescita DI 34/2019, lo scorso 27 Giugno il Parlamento ha infatti approvato il prolungamento del termine per l’emissione delle fatture immediate da 10 a 12 giorni.

Ciò significa che le fatture immediate dovranno essere trasmesse allo SDI entro 12 giorni dall’effettuazione delle operazioni.

Per quanto riguarda le fatture differite, invece, queste dovranno essere inviate entro il 15 del mese successivo a quello di effettuazione delle operazioni, valorizzando quale data della fattura quella dell’ultima operazione.

Trasmissione allo SDI

In merito alla trasmissione della fattura allo SDI (Sistema Di Interscambio), l’agenzia delle Entrate ha inoltre chiarito che la data di emissione della fattura elettronica coincide con la data di trasmissione, mentre la data in cui è stata effettuata l’operazione è da specificare all’interno del campo “Data” nel file XML.

Sanzioni

Congelato nel primo semestre del 2019, dal 1° di Luglio entrerà inoltre a pieno regime il sistema sanzionatorio per la fatturazione elettronica.
In caso di ritardata emissione di fattura, sono previste sanzioni che vanno dal 90% al 180% dell’imposta relativa all’imponibile non fatturato. Viceversa, in caso di violazioni che non hanno inciso sulla liquidazione dell’IVA, si applicherà una sanzione fissa tra i 250 e i 1.000 euro (art. 6 D.Lgs. 471/1997).

 

Post Correlati